Oggi si parla della mia storia narrativa, seguendo il consiglio di Daniele Imperi.

ALL’INIZIO
In realtà, il mio primo racconto risale a prima del blog, quando ero bambino, ma ormai s’è perso. Era una fan-fiction, la trama era in sé la copia spudorata del secondo film dei pokemon, il contesto l’avevo inventato almeno parzialmente, ma di base niente di che. In seguito, ispirandomi ad un gioco fatto ad Halloween (quando ancora questa festa non mi stava sulle scatole), creai un intero mondo, e ne scrissi la storia, un po’ inventando, un po’ copiando riprendendo il Signore degli Anelli (il film, il libro l’avrei letto poco dopo); feci pure una mappa che modificai costantemente, ma di fondo si mantenne la stessa. La versione più arcaica è simile a questa:
Si vede che ero un ragazzino, eh?
In seguito di mondi ne ho creati altri con tanto di mappe, ma i racconti su di essi rimasero sempre nella mia testa; nel frattempo, modificavo sia i mondi che i racconti.

I PRIMI RACCONTI DEL BLOG: L’ARMA IT E IL GENERE SUPEREROISTICO
Forse dovrei dire il primo racconto, visto che i primi 9 racconti del blog formano un unica storia.
In quel periodo, avevo iniziato da poco a leggere Capitan Novara (o meglio, quel che di lui si trova sulla rete) e mi lasciai contagiare dall’idea di super eroi italiani. Tuttavia, volli crearli particolari, e così nacquero i super-eroi dell’Arma It, il cui scopo resta lottare per il bene, ma non sono famosi per questo, anzi: devono temere l’emarginazione, e a volte arrivano a sentirsi vicini ad alcuni dei super-criminali che combattono.
Un altra cosa è la presenza di arti marziali italiane: le ho messe tutte. Forse le ridimensionerò un po’, ma resta il fatto che sono italiane; inoltre, ho realisticamente accettato che le arti marziali non rendono super-eroi: sono d’aiuto nel combattimento, ma non superpoteri.

NOVUNO: UN CONTENITORE IDEALE
Novuno è nata come città fantasy, ma nel tempo s’è arricchita. Il fatto è che essendo di base una città, posso inserirvi qualunque cosa: così, ai racconti fantasy s’è aggiunta un’intervista fittizia a contenuto filosofico-economico, un giallo-fantasy e un racconto in cui parlo di alcune caratteristiche di questo mondo immaginando una guida che parla ai lettori-visitatori.

ARENA POST-FUSIONE: FANTASY EFFETTIVO
I racconti di un gruppetto di amici in un mondo che ha appena subito la fusione dimensionale poteva essere post-apocalittico, invece l’ho reso un fantasy effettivo. Come nelle storie dell’Arma It e di Novuno, non ho avuto influenze consce. Purtroppo, non c’è molto da aggiungere.

GLI ULTIMI RACCONTI: FANTASCIENZA
Dopo aver visto Capitan Harlock, ho iniziato ad immaginare in modo fantascientifico, e ho pensato ad un epoca in cui gli uomini vivono nello spazio, su astronavi  in grado di viaggiare per il cosmo, e così sono nate le avventure di Vulpio e Lutea a bordo della Fulmine Nero. In questa epoca, c’è chi vuole tornare sulla terra, chi vuole aumentare il legame con lo spazio, e così via. Insomma, non manca nulla.

CONCLUSIONI
Di racconti realistici, ne ho fatti forse quattro, nessuno dei  quali uscito molto bene: il realistico non è un genere di mio gusto.
Voi cosa ne dite?

Annunci