Raggiunse l’istituto in questione: lì un tentativo di stupro ai danni di una ragazza era stato evitato solo dall’intervento di un professore, ma non era questa la cosa più allucinante.
Lui, il commissario Alighieri, e gli agenti giunsero in aula magna, dove tutti gli studenti erano stati radunati.
—Mi è giunta voce— esordì —di un’emarginazione e cyberbullismo svolta nei confronti di una vittima di un tentativo di stupro—
I ragazzi vociarono l’uno sopra l’altro, ma quanto dicevano era sin troppo chiaro:
—È colpa di quella stronza—
—Già, è un’infame—
—Ha rovinato la vita a quei ragazzi—
Un’agente femmina ebbe un fremito di rabbia. Il commissario rimase calmo, ma mentre quei ragazzi parlavano, ripensava alle testimonianze di stupro sentite, e a come gli stupratori spesso venissero lasciati andare, come se non avessero compiuto un crimine contro un’altra persona, come se non avessero fatto soffrire un’altra persona, come se non avessero fatto nulla. La sua indignazione crebbe, e alle ultime parole urlò:—Se non volevano la vita rovinata non dovevano nemmeno compiere quel crimine! AGENTI, arrestate questi ragazzi con l’accusa di complicità in tentativo di stupro e per violenza immotivata—
I professori presenti rimasero allibiti, ma non osarono muoversi.
Gli agenti, dal canto loro, subito si mossero per obbedire al loro commissario, in primis l’agente donna di cui vi ho già parlato. I ragazzi protestarono:
—Noi non eravamo presenti! E poi che violenza? Non abbiamo fatto niente!—
—Violenza psicologica— rispose il commissario —e la complicità non è per quello che avete fatto durante il tentativo di stupro, ma per quello che avete fatto DOPO il tentativo di stupro: aver giustificato e protetto dei ragazzi che volevano compiere un crimine ai danni di un’altra persona.—
Sospirò, e aggiunse:—Comunque non preoccupatevi, sarete liberi in quattro e quattr’otto, e io sarò condannato per aver fatto il mio dovere, visto che in Italia c’è giustizia.—
Andò come aveva previsto: i ragazzi furono liberati in pochi giorni, e lui venne sospeso dal servizio.

SEGUIMI SU: Facebook – Pagina Facebook –Twitter – Google+ – Ask – BeePP
BLOG: Idee, Storie, Curiosità – Poesie di un Artognese – Grafofumetti – Qui Dacqu – Studistorie
Annunci